Come procedere per l'Adozione

GLI AFFIDI SECONDO NOI
L’iter dell’affido A.DI.CA. prevede colloqui preliminari con la famiglia o l’individuo interessati. 

Tali colloqui ci permettono di individuare il tipo di adozione meglio rispondente alle esigenze, alle aspettatitve, alle possibilità e alle necessità degli adottanti e del cane stesso. Per essere soddisfacente e felice, l’adozione deve essere infatti un incontro tra due mondi che possano convivere armoniosamente.

Se necessario, all’affido viene fatto precedere un sopralluogo, durante il quale il Responsabile Affidi valuta l’idoneità dell’ambiente che ospiterà il cane. Sempre se necessario, il cane viene da noi introdotto nel nuovo ambiente. A ogni adozione seguono controlli post-affido. 

Dopo l’affido di ogni cane, lo staff A.DI.CA. rimane costantemente a disposizione per consulti, visite o consigli di ogni tipo.

Attenendoci fedelmente a questo protocollo, negli anni abbiamo assicurato un’adozione felice a più di 4.000 cani. 

DOMANDE DA PORSI PRIMA DELL’ADOZIONE

Perchè desidero adottare un cane?

Sono consapevole che la mia vita cambierà con l’adozione di un cane?

So che, soprattutto nel primo periodo dell’adozione, dovrò essere comprensivo e paziente ed aiutare il mio cane ad ambientarsi e a sentirsi sicuro nella nuova casa?

Cerco un cane di una razza specifica: conosco le caratteristiche peculiari, caratteriali e fisiche di tale razza? 

Sono sicuro che i miei vicini accetterrano gli animali? 

Sono sicuro che il regolamento di condominio non vieti la detenzione di animali? 

Ho un altro animale in casa con me: penso che sia in grado di accettare l’introduzione di un altro animale?

Nel periodo delle ferie o in caso di mia assenza, chi si occuperà del cane?

Sono disposto a ricevere visite pre e post adozione, anche a sorpresa, per tutta la vita del cane? 

ADOZIONI GUIDATE
Per alcuni dei nostri ospiti è necessario un iter differente e personalizzato da percorrere affinchè l’adozione abbia buon esito. Nel caso ad esempio di cani particolarmente timidi o diffidenti nei confronti degli estranei, chiediamo di incontrare più volte il cane in canile per far sì che si instauri un legame cane-adottante che possa far emergere la dolcezza e l’affetto di cui questi cani sono capaci, una volta che si trovino a loro agio, prima di procedere all’adozione definitiva. 

ADOZIONI DEL CUORE
Adottare uno di quei cani che pochi, a volte nessuno, guardano veramente e che sono gli  "invisibili" i "timidi" e gli "anziani", può rivelarsi un'esperienza unica e gratificante. Inoltre alcuni di questi cani sono poco esigenti e richiedono meno tempo da dedicare loro. Ad esempio il cane fobico, che ha paura degli estranei o delle novità o del mondo esterno, sarà felice di vivere, magari insieme ad un altro compagno peloso, nella vostra casa e nel vostro giardino, evitando volentieri le passeggiate esterne; oppure il cane anziano o malato potrà sonnecchiare a lungo nella tranquillità della sua cuccia e/o al sole del vostro giardino e voi avrete la fortuna di poter condividere la vostra vita con un cane, a cui pensavate di dover rinunciare.
Ci vuole del tempo perchè lui arrivi a fidarsi completamente, a capire che la vostra casa sarà anche la sua e che tutti sarete pronti a coccolarlo e viziarlo. A sua volta voi adottanti dovrete imparare a lasciargli spazio e tempo, ad aspettare, ad accontentarvi di ogni piccolo progresso fatto.
Il nostro consiglio è: quando entrate in un canile date a tutti una possibilità, lasciandovi guidare dall'affinità, da una scelta consapevole, ma soprattutto dai consigli di chi conosce i cani presenti; se vi viene indicato qualche cagnolino meno bello, meno giovane, meno esuberante, riservategli un secondo sguardo, non passate oltre lasciando che torni nell'ombra.

La testimonianza di un adottante del cuore.  
La scelta.
La mia è stata di scegliere quei cani che pochi, a volte nessuno guarda veramente. Sono gli "invisibili" i "timidi" i "difficili" e gli "anziani".
Io non sono meglio di altri, anzi forse sono solo abbastanza egoista da sentirmi emozionata e appagata nel vedere come loro lentamente si aprono fino a diventare "normali".
La normalità poi andrebbe definita, ma io intendo quella normalità che ci consente di vivere con il nostro amico cane in modo da potersi muovere tranquillamente nella nostra società.
Forse con il mio primo cane " difficile" buona perte l'ha fatta l'inconsapevolezza di cosa mi accingevo a fare, certo tanta buona volontà, il senso di vuoto lasciato dalla mia prima cagnolina morta prematuramente, e la sensazione che quel nuovo compagno mi avesse scelto fra altre persone.
Non è stato così facile come mi sarei aspettata, c'è voluto del tempo perchè lui arrivasse a fidarsi di me completamente, che capisse che quella sarebbe stata la sua casa e che tutti saremmo stati pronti a coccolarlo e viziarlo. Questo lui ha dovuto capire, ma io a mia volta ho imparato a lasciargli spazio e tempo, ho imparato ad aspettare, ad accontentarmi di ogni piccolo passo che faceva verso di me. C'è voluto del tempo, a volte mi sono domandata se sapevo quello che stavo facendo, ... sono passata da una cane che sbaciucchiavo, abbracciavo e con il quale andavo ovunque ... ad un cane che doveva essere "avvisato" se volevo accarezzarlo, che temeva una serie di atteggiamenti che mai avrei pensato potessero essere fonte di paura, ma per lui lo erano.
Poi un giorno ho realizzato che avevo di nuovo un cane con il quale potevo fare tutto, certo con qualche piccola attenzione alle paure che rimanevano in fondo alla sua anima. Lui è tornato ad essere quel dolce   "orsacchiotto" che qualcuno aveva buttato via.
Più avanti ho "scelto" quella che ho soprannominato la mia " bambolina", uno scricciolino di 10 anni che per un qualche motivo amava stare in mia compagnia, mi sono detta dove c'è un cane ce ne possono stare anche due. Dolcissima, ma che si spaventava con poco e che sceglieva la fuga come soluzione, quindi con lei ho imparato a controllare la voce, anche quando mi sembrava che alzarla sarebbe stato meglio, ma non con lei.
Poi ho scelto la "carogna", piccolo ma tosto, si è fatto 4 anni di canile a causa del suo carattere, ma anche in questo caso mi sembrava di avere un'affinità con lui. In questo caso avevo un pò più di esperienza, ma lui doveva imparare a convivere senza usare come prima cosa la bocca. Ci siamo "chiariti", lui ha imparato che il mondo non necessariamente girava intorno a lui, non tutto era suo, ma se lasciava spazio agli altri avrebbe comunque ricevuto coccole e attenzioni; io ho imparato ad apprezzare il suo modo di dimostrarmi affetto.
Ora ho dovuto scegliere nuovamente, questo è il rovescio della medaglia, comporta impegno emotivo a volte a breve termine, ma vedere il nuovo arrivato prendere lentamente confidenza con la nuova vita, notare i piccoli cambiamenti nel suo modo di avvicinarsi, i primi segni di piacere al rivederti dopo un'assenza, tutto vale la "fatica" di accettare l'assenza degli altri.
Siamo agli inizi di una nuova amicizia, quanto durerà non posso saperlo, ma ne varrà le pena ...
Ognuno faccia la sua "scelta", cuccioli, giovani, anziani, alcuni magari anche con qualche malanno, campioni di bellezza o con solo tanto "carattere", quando entriamo in un canile diamo a tutti una possibilità, ovviamente la scelta deve essere consapevole, muoversi solo sull'onda di una forte emozione non sempre porta ad un lieto fine, lasciatevi guidare sì dall'affinità, ma soprattutto dai consigli di chi conosce i cani presenti nel canile, ma soprattutto se vi viene indicato qualche cagnolino meno bello, meno giovane, meno esuberante, riservategli un secondo sguardo, non passate oltre lasciando che torni nell'ombra.

ADOZIONE A DISTANZA
Spesso la vita ci impone ritmi e consuetudini che, anche se lo desiderassimo, mal si adatterebbero ad una convivenza con un cane, per questo c'è la possibilita'di un'ADOZIONE A DISTANZA!
In questo modo contribuirari ad aiutare A.DI.CA. a sostenere le spese per l'acquisto del cibo, dei medicinali e delle cure mediche del tuo amico adottato a distanza e riceverai a casa periodicamene foto e notizie aggiornate.
Con un contributo mensile di 15 euro, potrai (previo appuntamento) venire a trovare il tuo “prescelto” ed i suoi amici all’interno della nostra struttura e trascorrere del tempo con loro.

Adotta ora un cane a distanza per il numero di mesi che preferisci (15 € al un mese).